Facoltà di Economia

Giovanni TriaProf. Giovanni Tria
Preside della Facoltà

La Facoltà di Economia dell'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" è un centro di formazione universitaria di eccellenza, riconosciuta a livello nazionale ed internazionale, ed è costituita da due dipartimenti: Economia e Finanza e Management e Diritto.

Continua a leggere la presentazione della Facoltà


La Facoltà di Economia è costituita dai dipartimenti:

Dipartimento di Economia e Finanza

Prof. Fabrizio Mattesini
Direttore

Dipartimento di Management e Diritto

Prof. Ugo Pomante
Direttore

Iscrizioni e Trasferimenti

In questa sezione trovi tutte le informazioni di cui hai bisogno per accedere alla nostra offerta formativa (bandi, test di ammissione, borse di studio, residenze e alloggi...)
Il tuo futuro comicia da qui!

La Facoltà di Economia, da sempre impegnata nella cooperazione e nello sviluppo del tessuto socioeconomico italiano ed internazionale, è attiva nel settore della ricerca scientifica e tecnologica, si impegna nella formazione e nel placement delle future classi dirigenziali e promuove iniziative volte a garantire una crescita sostenibile.

 

Sascha Becker

Does Migration Cause Extreme Voting?
Riccardo Faini Ceis Seminars

Quando
venerdì 28 aprile 2017 h. 12:00-13:30
Dove

Room B - 1st Floor – Building B
Facolta' di Economia
Universita' degli Studi di Roma "Tor Vergata"
Via Columbia 2, Roma

Descrizione

Sascha Becker (University of Warwick)

joint with Thiemo Fetzer

The 2004 accession of 8 Eastern European countries (plus Cyprus and Malta) to the European Union (EU) was overshadowed by feared mass migration of workers from Eastern Europe due to the EU’s rules on free mobility of labour. While many incumbent EU countries imposed temporary restrictions on labour mobility, the United Kingdom did not. We document that following EU accession more than 1 million people (ca. 3% of the UK working age population) migrated from Eastern Europe to the UK. Places that received large numbers of migrants from Eastern Europe saw small, but statistically significant increases in the vote shares for the UK Independence Party (UKIP) in elections to the European Parliament. We argue that these estimates are likely lower bounds of the effect of migration on overall anti-European sentiment. We show that the migration wave lowered wages at the bottom end of the wage distribution and contributed to increased pressure on public services and housing.
Keywords: Political Economy, Migration, Globalization, Voting, EU
JEL Classification: R23, D72, N44, Z13

VIEW PAPER

Contatti

Responsabile Scientifico
Marianna Brunetti

Organizzazione
Barbara Piazzi
CEIS
06-7259.5601
piazzi@ceis.uniroma2.it