POLITICA ECONOMICA

Programma

Aggiornato A.A. 2017-2018

POLITICA ECONOMICA prof. Mariangela Zoli a.a. 2017/ 18 Obiettivi del corso: Conoscenze e capacità di comprensione: Il corso si propone di fornire agli studenti la conoscenza dei modelli fondamentali della politica economica, con particolare riferimento ai loro aspetti microeconomici, e di favorire la comprensione delle principali problematiche connesse alle decisioni (di politica tributaria, monetaria, di bilancio, ecc.) delle autorità di politica economica. Verranno forniti gli strumenti per comprendere e analizzare alcuni tra i principali problemi sociali contemporanei, quali, ad esempio, quelli connessi alla dinamica del potere d’acquisto delle famiglie, alla distribuzione delle risorse, povertà, diseguaglianza, disoccupazione, inquinamento e degrado ambientale. Inoltre, gli studenti dovranno conoscere gli obiettivi e i principali strumenti di politica economica e comprendere il contesto teorico nel quale vengono analizzate le interazioni tra le decisioni di politica economica e il sistema economico e ambientale. Utilizzazione delle conoscenze e capacità di comprensione: Le nozioni, i concetti e i modelli appresi durante il corso consentiranno agli studenti di comprendere l’analisi teorica dei processi decisionali e dell’azione dei decisori pubblici, con riferimento alle politiche economiche in generale e alle politiche ambientali in particolare. Le conoscenze apprese permetteranno agli studenti di identificare e di valutare le conseguenze sociali delle politiche economiche, nazionali e europee, in termini di impatto sulle scelte occupazionali, di allocazione del tempo libero, di pensionamento, nonché sul benessere individuale e collettivo. Ad esempio, gli studenti saranno in grado di valutare l’impatto di politiche redistributive sui livelli di povertà e diseguaglianza di una popolazione, sulla base degli indicatori più comunemente utilizzati per misurare i due fenomeni. Gli studenti saranno poi messi in condizione in grado di valutare le potenzialità dei sistemi di welfare state e di individuarne elementi di forza e di criticità. Le conoscenze apprese in termini di strumenti di politica ambientale permetteranno agli studenti di valutare le relazioni tra il sistema economico-produttivo e l’ambiente, inteso sia come opportunità per le imprese (fonte di input e servizi), sia come vincolo (scarsità di risorse naturali, passaggio a fonti alternative, rischi connessi al cambiamento climatico), nonché di comprendere come le autorità di politica ambientale possano intervenire per correggere le imperfezioni nel funzionamento dei mercati. Programma del corso: Il corso si articola in tre parti. La prima parte presenta il quadro generale della politica economica, introducendo i fondamenti e i principali metodi di analisi, i limiti dell’intervento pubblico e l’interazione strategica tra i diversi attori. La seconda parte analizza alcuni dei principali settori della politica economica. Nell'ambito dell'analisi degli strumenti di politica economica, quest'anno verranno analizzate le potenzialità di applicazione degli strumenti suggeriti dall'economia comportamentale (nudge, norme e sanzioni sociali...). La terza parte si concentra sugli strumenti di politica ambientale. Nello specifico, il corso è così suddiviso: Prima parte: 1. Introduzione alla Politica Economica: le motivazioni dell’intervento pubblico - Le funzioni essenziali dello Stato - Gli strumenti dell’analisi positiva (i metodi dell’analisi empirica) - Gli strumenti dell’analisi normativa (l’economia del benessere e i fallimenti del mercato) 2. I limiti della Politica Economica - L’incertezza sui modelli - La politica economica in condizioni di incertezza - Le aspettative razionali e la critica di Lucas - I limiti dell’informazione - I limiti della benevolenza: la teoria economica della burocrazia e della corruzione Seconda parte: - La politica tributaria - Le politiche di bilancio - Le politiche per l’occupazione - La redistribuzione del reddito: combattere povertà e disuguaglianza - I sistemi di welfare: sicurezza e previdenza sociale - La politica monetaria - Gli strumenti "soft" dell'economia comportamentale Terza parte: - Le politiche di controllo dell’inquinamento: strumenti command and control, tasse e diritti negoziabili - Gli accordi internazionali e il problema del climate change MATERIALE DIDATTICO: Testi di riferimento: - Benassy-Quéré et al. (2012), Politica economica. Teoria e pratica. Il Mulino, Bologna. Capitoli 1, 2, 4, 7, 8. - Rosen e Gayer (2014), Scienza delle finanze, IV edizione. McGraw Hill. Capitoli 8,9,11,12,21. - Castellucci (2017), Lezioni di politica economica ambientale, Esculapio, Bologna. - Slides del corso e altro materiale disponibile sulla pagina web del corso (protetto da password, che sarà comunicata in classe) Metodi di insegnamento: Il corso si basa principalmente sullo svolgimento di lezioni frontali da parte del docente e di esercitazioni da parte di collaboratori didattici. Ove possibile, si cercherà di stimolare la partecipazione attiva degli studenti a seminari o workshop organizzati nell’ambito del corso. Risultati di apprendimento attesi: I concetti e gli strumenti appresi durante il corso potranno essere utilizzati dagli studenti per valutare in maniera critica (e con cognizione di causa) l’origine dei problemi di politica economica e l’adeguatezza delle soluzioni di policy in presenza di vincoli all’azione pubblica, quali pressioni politiche, limiti di bilancio, azioni strategiche degli agenti economici, crisi finanziarie e rischi climatici.