Gruppo di Discussione:
"Crescita, Investimenti e Territorio"

www.economia.uniroma2.it/dedi/ebook-politiche-industriali

 


 

Visitatori n° 16446

PARTECIPA

Per partecipare alle prossime attività
del Gruppo di Discussione “Crescita, Investimenti e Territorio”
e ricevere la Newsletter indicare la email

 

Seguici e condividi !    Linkedin Linkedin  Facebook Facebook  

 


RECENT CONTRIBUTIONS OF THE DISCUSSION GROUP
ON THE INDUSTRIAL AND REGIONAL POLICIES
-
CONTRIBUTI RECENTI DEL GRUPPO DI DISCUSSIONE
SULLE POLITICHE INDUSTRIALI E REGIONALI

DOWNLOAD
 


 

PUBBLICAZIONI

  • Cappellin R., Baravelli M., Bellandi M., Camagni R., Capasso S., Ciciotti E., Marelli E. (eds.) (2017), Investimenti, innovazione e nuove strategie di impresa: quale ruolo per la nuova politica industriale e regionale? Milano: Egea.

Prefazioni di:
Fabio Mazzola, Past-President della Associazione Italiana di Scienze Regionali (AISRe)
Gaetano Aiello, Vice-Presidente dell’Accademia Italiana di Economia Aziendale (AIDEA) e di Marco Bellandi, Università di Firenze
Marco Di Tommaso, Segretario Generale e di Anna Giunta, Presidente della Società Italiana di Economia e Politica Industriale (SIEPI)

Contributi di:
Gaetano Aiello, Maurizio Baravelli, Raffaele Barberio, Elisa Barbieri, Leonardo Becchetti, Marco Bellandi, Luca Beltrami Gadola, Patrizio Bianchi, Ruggiero Borgia, Angela Botticini, Giampio Bracchi, Alberto Bramanti, Antonio Calabrò, Salvatore Capasso, Riccardo Cappellin, Aldo Cavadini, Enrico Ciciotti, Cosmo Colonna, Enrico Conti, Augusto Cusinato, Gregorio De Felice, Carlo De Vito, Alfredo Del Monte, Marco Di Tommaso, Claudia Ferretti, Maurizio Franzini, Gioacchino Garofoli, Lorenzo Giussani, Giorgio Goggi, Giuseppe Gori, Fabrizio Guelpa, Donato Iacobucci, Fiorenzo Ferlaino, Patrizia Lattarulo, Giuseppe Longhi, Enrico Marelli, Fabio Mazzola, Pietro Modiano, Loris Nadotti, Attilio Pasetto, Guido Pellegrini, Carlo Antonio Pescetti, Luciano Pilotti, Francesca Rota, Zeno Rotondi, Enzo Rullani, Lanfranco Senn, Marcello Signorelli, Francesco Silva, Giampaolo Vitali

SCARICA IL PDF GRATUITAMENTE 9.9 Mb

n° download 889

Il Gruppo di Discussione "Crescita, Investimenti e Territorio" è un think-tank composto da più di 50 noti economisti, sia del mondo accademico sia di altre istituzioni, e in questo libro propone le linee guida di una “nuova politica industriale e regionale", che mira alla ripresa dell’economia europea e italiana.

La ripresa dell’economia è insoddisfacente ed è urgente cambiare le politiche economiche seguite dai governi e dalle istituzioni europee, che hanno fatto perdere tempo e risorse con l’obiettivo dell’austerity “ordo-liberista” e delle riforme strutturali “neo-liberiste”. Il rilancio dell’economia deve essere promosso da un grande programma di investimenti sia pubblici che delle imprese private. Il “mercato” da solo non è in grado di dare risposte al problema della crescita e della disoccupazione.

L'obiettivo della piena occupazione richiede la creazione di nuove produzioni e nuove imprese, che mirino a rispondere ai nuovi bisogni dei cittadini nel territorio. Nuovi investimenti materiali e immateriali sono necessari per innalzare la produttività e i salari e far crescere così la domanda interna per consumi. Gli investimenti devono focalizzarsi sulle aree urbane, che rappresentano i nodi geografici, economici e culturali dell'economia europea e possono essere un grande laboratorio per lo sviluppo di nuovi prodotti, servizi e occupazione.

La "nuova politica industriale e regionale" deve stimolare la creazione di nuova conoscenza, la fiducia nel futuro, la volontà di intraprendere delle imprese. La proposta di politica economica, industriale e regionale del Gruppo di Discussione "Crescita, Investimenti e Territorio” mira a promuovere lo sviluppo delle reti di innovazione e di conoscenza, la collaborazione tra i diversi attori nei sistemi di innovazione nazionali, regionali e locali, e il sostegno all’innovazione e all’investimento da parte delle università, delle banche, dei lavoratori, del sindacato, delle amministrazioni pubbliche e delle associazioni dei cittadini e consumatori.

Risulta necessario potenziare le istituzioni intermedie, adottare moderne forme di governance multilivello, assicurare un maggiore decentramento delle decisioni di politica, e rafforzare le capacità progettuali delle istituzioni pubbliche locali e la loro capacità nella fornitura di nuovi servizi pubblici, di migliore qualità e più efficienti.

La ripresa dell'economia europea e italiana e la fiducia nel futuro di una più solida integrazione europea devono iniziare da una “nuova politica industriale e regionale” centrata su un grande programma europeo di investimenti innovativi, che parta dal territorio e si concentri sulla rete delle centinaia di città e regioni europee delle diverse dimensioni, ove operano le imprese e vivono i cittadini.


 

Prefazioni di:
Alessandro Sterlacchini, Presidente della Società Italiana di Economia e Politica Industriale (SIEPI)
Fabio Mazzola, Presidente della Associazione Italiana di Scienze Regionali (AISRe)

Contributi di:
Maurizio Baravelli, Raffaele Barberio, Massimo Battaglia, Marco Bellandi, Luca Beltrami Gadola, Alberto Bramanti, Giampio Bracchi, Aurelio Bruzzo, Roberto Camagni, Riccardo Cappellin, Salvatore Capasso, Enrico Ciciotti, Innocenzo Cipolletta, Vittorio Coda, Fulvio Coltorti, Cosmo Colonna, Giancarlo Corò, Augusto Cusinato, Marco Di Tommaso, Giuseppe Farina, Fiorenzo Ferlaino, Marco Frey, Gioacchino Garofoli, Anna Gervasoni, Maria Letizia Giorgetti, Giorgio Goggi, Giuseppe Gori, Fabrizio Guelpa, Maurizio Laini, Patrizia Lattarulo, Giuseppe Longhi, Enrico Marelli, Sergio Mariotti, Fabio Mazzola, Marco Mutinelli, Luigi Orsenigo, Attilio Pasetto, Gabriele Pasqui, Guido Pellegrini, Luciano Pilotti, Maria Prezioso, Edoardo Reviglio, Zeno Rotondi, Enzo Rullani, Franco Sacchi, Riccardo Sanna, Gaetano Sateriale, Francesco Silva, Alessandro Sterlacchini, Marco Vitale, Giampaolo Vitali.

SCARICA IL PDF GRATUITAMENTE 293 Kb

Questo libro definisce le condizioni e le modalità per individuare, promuovere e attuare un massiccio piano di investimenti pubblici e privati, nazionali, regionali e locali, che operi come “motore trainante” del rilancio della crescita e dell’occupazione.

La strategia proposta ha dei chiari obiettivi: l’integrazione delle politiche macro-economiche con le politiche del territorio e delle città e con le politiche micro-economiche degli investimenti e dell’innovazione. In particolare, si ritiene strategico promuovere la crescita della domanda interna nell’economia del Paese, rispondere ai nuovi bisogni, ora latenti ed emergenti, dei cittadini e individuare gli strumenti industriali e finanziari necessari per aggregare le domande individuali di beni e servizi “comuni” o collettivi.

Il libro individua alcune “idee forza” su grandi “progetti strategici prioritari” (turnaround projects), sia industriali sia infrastrutturali, che possano essere intrapresi dalle imprese e dalle istituzioni pubbliche e in particolare da quelle locali. Inoltre, sono proposti gli strumenti finanziari e le strategie di sostegno più adeguati da parte delle banche, degli altri intermediari e degli investitori istituzionali italiani ed esteri.

Il libro vuole promuovere un movimento di opinione per una nuova politica economica e industriale in Italia rivolgendosi a tutti i suoi protagonisti e in particolare ai cittadini.  Questa proposta può quindi risultare utile per promuovere un “tavolo di confronto” tra gli attori economici più rilevanti, che affronti il tema delle scelte nelle politiche per la crescita sulla base di schemi teorici e di intervento più efficaci e moderni di quelli finora adottati, che hanno portato a una sostanziale stagnazione di lungo periodo.

Il Gruppo di Discussione “Crescita, Investimenti e Territorio”, che ha elaborato la proposta illustrata in questo libro, ha riunito a uno stesso tavolo più di 50 docenti e ricercatori delle università e dei centri di ricerca esperti di economia industriale, economia regionale, urbanistica, esperti del mondo delle imprese e delle maggiori istituzioni bancarie nazionali e delle amministrazioni pubbliche, assieme ai responsabili delle politiche industriali delle confederazioni sindacali nazionali, e mantiene un rapporto stretto con le diverse Società Scientifiche, come l’Associazione Italiana di Scienze Regionali (AISRe, www.aisre.it) e la Società Italiana di Economia e Politica Industriale (SIEPI, www.siepi.org/), che da molti anni organizzano la discussione tra gli esperti di economia regionale e industriale.


 

  • Baravelli M., Bellandi M., Cappellin R., Ciciotti E., Marelli E. (2014), La ripresa economica e la politica industriale e regionale, Gruppo di Discussione: “Crescita, Investimenti e Territorio”  - Documento di sintesi dei contributi elaborati nel 2014.

Il documento rappresenta la sintesi dei circa 50 lavori presentati nell’ebook, nei due Policy Workshops organizzati nel 2014 e in altre pubblicazioni su riviste on-line da parte degli esperti che fanno parte del Gruppo di Discussione. Il documento affronta i seguenti temi: 1) il cambiamento necessario nelle politiche macroeconomiche; 2) la sfida dell’innovazione per le imprese e gli investimenti in nuove produzioni; 3) le aree urbane e i settori di intervento strategici; 4) l’inadeguatezza delle politiche fiscali; 5) il piano d’investimenti, la finanza e la governance istituzionale.

Molti economisti sono convinti che la recessione e stagnazione sono il risultato di politiche o inefficaci o sbagliate e comunque da cambiare. L’ostinazione a proseguire su queste politiche porterebbe a prolungare la lunga stagnazione attuale per diversi altri anni e ad aumentare ancor più le tensioni sociali. Di fatto, la recessione o stagnazione dell’economia italiana e di quella europea è determinata dal crollo della domanda interna e solo se si capisce il motivo di questo crollo possiamo sperare di disegnare delle politiche di intervento, che non siano inefficaci come quelle seguite negli ultimi sei anni.

Appare evidente l’inefficacia, al fine di avviare una ripresa dell’economia italiana ed europea, delle politiche fiscali o monetarie da sole. Più efficace sembra essere una combinazione flessibile di politiche monetarie e fiscali espansive, congiuntamente a moderne politiche industriali e regionali dell’innovazione e degli investimenti: l'abbondante liquidità creata dalla BCE deve pervenire più facilmente alle imprese ed all'economia reale e l'austerità ed il rigore nei conti pubblici possono essere sostituiti o perlomeno integrati da politiche di sostegno della crescita e degli investimenti pubblici. In questa prospettiva, il Piano Juncker appare un primo cambiamento positivo verso un approccio diverso alle politiche economiche della Unione Europea.

La politica industriale e regionale è indispensabile non tanto in una prospettiva di lungo termine, ma anche al fine di promuovere una ripresa della crescita nel breve e medio periodo. Essa è complementare con una politica macroeconomica orientata alla crescita e deve mirare a creare nuove produzioni innovative e maggiore occupazione e stimolare gli investimenti delle imprese private. Essa deve promuovere l’innovazione di tipo sistemico nelle diverse filiere produttive e aree territoriali e ridurre il rischio dell’investimento per la singola impresa con la condivisione di un piano industriale integrato e comune con le altre imprese grandi e medie, il sindacato e le comunità locali. Essa deve sostenere con fondi pubblici lo sforzo di progettazione e di R&S delle università e dei centri di ricerca e non ultimo favorire l’interazione con il mondo della “finanza di progetto” e assicurare la complementarietà degli investimenti privati con gli indispensabili investimenti pubblici dei Comuni, delle Regioni e dello Stato.

In sintesi, questo documento definisce le condizioni e le modalità per individuare, promuovere ed attuare un massiccio piano di investimenti pubblici e privati, sia nazionali che regionali e locali, che siano il "motore trainante" del rilancio della crescita e dell'occupazione. La ripresa degli investimenti privati e pubblici è quindi legata a un rilancio della politica industriale e regionale, a una strategia di crescita basata sull’innovazione delle imprese e delle istituzioni e a un’efficace governance delle relazioni tra imprese, università, credito e amministrazioni pubbliche regionali, nazionali e europee.


  • Cappellin R., Marelli E., Rullani E., Sterlacchini A. (2014), a cura di, Crescita, investimenti e territorio: il ruolo delle politiche industriali e regionali, Website "Scienze Regionali", eBook 2014.1

contributi di:

Leonardo Becchetti, Marco Bellandi, Patrizio Bianchi, Andrea Bollino, Roberto Camagni, Roberta Capello, Riccardo Cappellin, Stefano Casini Benvenuti,  Enrico Ciciotti, Romeo Danielis, Alfredo Del Monte, Sergio Destefanis, Marco Frey, Sandrine Labory, Enrico Marelli, Marco Mutinelli, Alessandro Petretto, Francesco Prota, Enzo Rullani, Alessandro Sterlacchini, Gianfranco Viesti.

https://www.dropbox.com/s/tcot7n24a6ii8qa/Ebook%20-%20Crescita%20investimenti%20e%20territorio.pdf?dl=0

Questo libro contiene i contributi di un gruppo di esperti, nel campo dell’economia industriale, regionale, dei trasporti, del lavoro, del management e della macroeconomia, che svolgono un ruolo significativo nel dibattito all’interno delle rispettive associazioni scientifiche. Il suo intento principale è quello di illustrare a un pubblico vasto che le analisi recenti sviluppate nelle diverse discipline che trattano della cosiddetta “economia reale” si basano su modelli di crescita e propongono interventi di politica economica profondamente diversi da quelli della macroeconomia tradizionale (di stampo neoliberista) che hanno guidato, con risultati a dir poco deludenti, le politiche seguite in questi ultimi anni in Europa e in Italia.

Il libro dimostra la forte coerenza tra gli approcci teorici degli economisti che fanno ricerca sull’economia reale e un largo consenso non solo su un’analisi delle cause della crisi dell’economia italiana ma anche sulle possibili linee d’intervento per evitare che essa evolva in una stagnazione cronica di lungo periodo. I diciannove originali contributi pubblicati in questo libro illustrano i fattori e le caratteristiche della crisi economica attuale, i cambiamenti emergenti nella struttura e nelle caratteristiche del sistema produttivo italiano, i risultati di recenti studi scientifici sull’economia reale e infine varie possibili misure d’intervento di politica industriale e regionale.

Inoltre, l’approfondito capitolo introduttivo propone un quadro di sintesi di questi contributi ed evidenzia l’analogia notevole tra tutte le singole interpretazioni dei fattori della crisi, la forte coerenza degli strumenti teorici utilizzati nell’analisi dell’economia reale in particolare nei suoi aspetti industriali e territoriali e il largo sostanziale consenso emergente su un modello di politica industriale e regionale diverso dal passato, come pure su numerose specifiche misure d’intervento necessarie per riavviare la crescita.

La politica industriale declinata a livello territoriale si rivela indispensabile per definire un programma, nazionale e europeo, di interventi coraggiosi e lungimiranti al fine di promuovere l’innovazione nell’industria, nei servizi e nelle amministrazioni pubbliche e quindi di aumentare gli investimenti privati e pubblici in nuove produzioni e ridurre gli attuali elevatissimi livelli di disoccupazione in Italia e in Europa.

Per uscire dalla recessione e ritornare a tassi di crescita accettabili non sono necessari e comunque non sarebbero sufficienti un aumento della spesa pubblica (soluzione keynesiana) o una riduzione delle imposte (soluzione neoliberista), ma è invece indispensabile, da un lato, stimolare una ripresa degli investimenti che ponga l’innovazione al centro degli interventi e, dall’altro, promuovere una crescita continua della domanda di nuovi beni e servizi. La disciplina della spesa nelle imprese e nello Stato non è in contraddizione con forti investimenti in innovazione, perché la leadership tecnologica è il fattore fondamentale della competitività a lungo termine e di alti margini di profitto futuri ed è necessario aumentare le spese per lo sviluppo di nuove produzioni.

La politica industriale è stata abbandonata sotto la pressione di un’ideologia liberista molto tradizionale e si rivela invece indispensabile in un’economia moderna basata sulla conoscenza e sull’innovazione, dati i limiti dell’approccio tradizionale delle politiche monetaria e di finanza pubblica nel promuovere la crescita economica.

Il punto di partenza per un programma di rigenerazione o ricostruzione dell'economia italiana dopo la crisi è il territorio. E' anche da questo, e non solo dai mercati internazionali, che provengono gli stimoli a uno sviluppo economico sostenibile. Infatti, il successo di progetti innovativi dipende dalle capacità imprenditoriali, dalle competenze e dalle risorse umane e produttive che sono radicate nel territorio, ma al tempo stesso è in esso, e soprattutto nelle grandi aree metropolitane, che si esprimono i bisogni di un ambiente e di una qualità della vita migliori ed emergono opportunità di investimento in nuovi beni e servizi.

Dato che gli strumenti della politica monetaria e fiscale sono stati trasferiti o condizionati dai vincoli stabiliti a livello comunitario, in base al principio di sussidiarietà verticale spetta invece agli Stati nazionali e alle Regioni programmare, anche se nel quadro di opportuni indirizzi strategici comunitari, le politiche industriali e regionali, che sono fondamentali per stimolare l’innovazione, gli investimenti e nuove produzioni.

Il libro propone una strategia di crescita a medio termine dell’economia italiana (Progetto Italia 2020) coerente con le dinamiche di cambiamento del sistema produttivo in Europa, l’evoluzione della tecnologia e la domanda di maggiore occupazione e di migliore qualità ambientale da parte dei cittadini.


ATTIVITA’

DOWNLOAD
Tutti i documenti


 

Policy Workshop
del Gruppo di Discussione Crescita Investimenti e Territorio

"La ripresa economica e la politica industriale e regionale:
dalla strategia ai progetti"

20 marzo 2015

Sede del Policy Workshop:
Politecnico di Milano, Dipartimento ABC
Aula Consiglio - Edificio Rettorato
 Piazza Leonardo da Vinci, 32 - 20133 Milano

Con il patrocinio di:
 AISRe Associazione Italiana di Scienze Regionali (www.aisre.it)
 SIEPI Società Italiana di Economia e Politica Industriale (www.siepi.univpm.it)

TUTTI I CONTRIBUTI

DOWNLOAD

 


eBook

Cappellin R., Marelli E., Rullani E. e Sterlacchini A. (2014), a cura di,

Crescita, investimenti e territorio:
il ruolo delle politiche industriali e regionali

contributi di: Leonardo Becchetti, Marco Bellandi, Patrizio Bianchi, Andrea Bollino, Roberto Camagni, Roberta Capello, Riccardo Cappellin, Stefano Casini Benvenuti,  Enrico Ciciotti, Romeo Danielis, Alfredo Del Monte, Sergio Destefanis, Marco Frey, Sandrine Labory, Enrico Marelli, Marco Mutinelli, Alessandro Petretto, Francesco Prota, Enzo Rullani, Alessandro Sterlacchini, Gianfranco Viesti

Website "Scienze Regionali" (www.rivistasr.it), eBook 2014.1


DOWNLOAD


 

Introduzione: linee guida per il rilancio della politica industriale e regionale
Riccardo Cappellin, Enrico Marelli, Enzo Rullani, Alessandro Sterlacchini

Territori in transizione. Il nuovo rapporto tra imprese e Politiche territoriali per la rinascita industriale e l’innovazione
Enzo Rullani

Il capitale tecnologico delle grandi imprese e la politica industriale
Alessandro Sterlacchini

Reti innovative e politiche per il Mezzogiorno
Alfredo Del Monte

Dualismo e declino nel territorio italiano. Il ruolo delle competenze
Sergio Destefanis

La valorizzazione del territorio in una prospettiva green
Marco Frey

Un mercato, una regola per il credito alle imprese europee
Carlo Andrea Bollino

Quali politiche verso gli investimenti diretti esteri?
Marco Mutinelli

Politiche territoriali per la rinascita industriale e l’innovazione
Marco Bellandi

Le nuove politiche industriali in un contesto globale
Patrizio Bianchi, Sandrine Labory

Il nuovo ruolo delle città in un periodo di cambiamenti strutturali
Enrico Ciciotti

Quale politica per il settore dei trasporti in Italia
Romeo Danielis

Politiche di competitività e riforma dei fondi strutturali dell’Unione Europea: verso politiche dell’innovazione “intelligenti”
Roberto Camagni, Roberta Capello

Capitalizzazione della città e tassazione delle rendite di trasformazione
Roberto Camagni

Ripartire dall’industria nel Mezzogiorno
Gianfranco Viesti, Francesco Prota

Finanza pubblica territoriale, economia locale e crescita
Alessandro Petretto

Il tetralogo per la creazione di valore sostenibile nella globalizzazione
Leonardo Becchetti

La necessità di rilanciare gli investimenti
Stefano Casini Benvenuti

Quali politiche dopo la crisi?
Enrico Marelli

Strategie di crescita e reti di innovazione nel territorio
Riccardo Cappellin


 

Interventi del
Gruppo di Discussione
Crescita, Investimenti e Territorio

successivi alla pubblicazione dell’ebook
Maggio - Settembre 2014

DOWNLOAD


Gruppo di Discussione: “Crescita, Investimenti e Territorio” (2014b),
Interventi di Economia e Politica Industriale e dell’Innovazione,
a cura di: Marco Bellandi, Silvio Brondoni, Margherita Corniani, Marco Frey, Letizia Giorgetti, Marco Mutinelli, Guido Pellegrini, Luciano Pilotti, Enzo Rullani, Francesco Silva, Alessandro Sterlacchini, Marco Vitale.

DOWNLOAD

Bellandi, M. (2014), Politiche territoriali, rinascita industriale e innovazione, “Rassegna Sindacale”, 17, 1-7 maggio 2014, p. 17.

Bellandi, M. e E. Rullani (2014), Innovazione e investimenti per la rinascita industriale, contributo al XI Rapporto Industria 2014 della CISL, Roma.

Bellandi, M., Politiche territoriali per la rinascita industriale e l’innovazione, Workshop: “Le politiche per la crescita in Italia e in Europa: il ruolo delle politiche industriali e regionali”, Università degli Studi di Milano, 9 luglio 2014.

Brondoni, S. e M. Corniani, Global competition, network management and focused smart specialisation, Policy Workshop: "Crescita, investimenti e territorio: dalle idee ai progetti", Congresso dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali, Padova, 12 settembre 2014.

Frey, M. e M. Battaglia,  La valorizzazione del territorio in una prospettiva green, Policy Workshop: "Crescita, investimenti e territorio: dalle idee ai progetti", Congresso dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali, Padova, 12 settembre 2014.

Giorgetti, M.L., La necessità improrogabile di una “Nuova Politica Industriale”, europea ed italiana, Workshop: “Le politiche per la crescita in Italia e in Europa: il ruolo delle politiche industriali e regionali”, Università degli Studi di Milano, 9 luglio 2014.

Mutinelli, M., L’internazionalizzazione delle imprese tramite investimenti diretti esteri: dimensione territoriale e policy, Policy Workshop: "Crescita, investimenti e territorio: dalle idee ai progetti", Congresso dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali, Padova, 12 settembre 2014.

Pellegrini, G., Prologo a una politica industriale, Policy Workshop: "Crescita, investimenti e territorio: dalle idee ai progetti", Congresso dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali, Padova, 12 settembre 2014.

Pilotti, L., Alcune note su “Le politiche per la crescita in Italia e in Europa: il ruolo delle politiche industriali e regionali”, Workshop: “Le politiche per la crescita in Italia e in Europa: il ruolo delle politiche industriali e regionali”, Università degli Studi di Milano, 9 luglio 2014.

Silva, F., Prima di tutto creare le condizioni per una p.i. non destinata all'insuccesso, Workshop: “Le politiche per la crescita in Italia e in Europa: il ruolo delle politiche industriali e regionali”, Università degli Studi di Milano, 9 luglio 2014.

Sterlacchini, A.,  La politica industriale tra i vincoli e gli stimoli europei e lattacco degli economisti liberisti, Policy Workshop: "Crescita, investimenti e territorio: dalle idee ai progetti", Congresso dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali, Padova, 12 settembre 2014.


Gruppo di Discussione: “Crescita, Investimenti e Territorio” (2014c),
Interventi di Economia e Politica Regionale e Territoriale,
a cura di: Roberto Camagni, Riccardo Cappellin, Enrico Ciciotti, Augusto Cusinato, Fiorenzo Ferlaino, Mary Prezioso, Giuseppe Roma, Lanfranco Senn.

DOWNLOAD

Bruzzo, A., Il ruolo delle politiche economiche volto a favorire il processo di sviluppo sul territorio: un contributo critico, Policy Workshop: "Crescita, investimenti e territorio: dalle idee ai progetti", Congresso dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali, Padova, 12 settembre 2014.

Camagni, R., Towards renewed regional policies: why and how, Policy Workshop: "Crescita, investimenti e territorio: dalle idee ai progetti", Congresso dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali, Padova, 12 settembre 2014.

Cappellin, R. (2014), Le città intelligenti motore della crescita, “Rassegna Sindacale”, 17, 1-7 maggio 2014, pp. 8-9.

Cappellin, R. (2104), Innovazione e investimenti per una politica urbana nazionale, contributo al XI Rapporto Industria 2014 della CISL, Roma.

Ciciotti, E.,  Il nuovo ruolo delle città in un periodo di cambiamenti strutturali: aspetti teorici e implicazioni di policy, Policy Workshop: "Crescita, investimenti e territorio: dalle idee ai progetti", Congresso dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali, Padova, 12 settembre 2014.

Ciciotti, E., Una politica urbana per la crescita e lo sviluppo, Workshop: “Le politiche per la crescita in Italia e in Europa: il ruolo delle politiche industriali e regionali”, Università degli Studi di Milano, 9 luglio 2014.

Cusinato, A., Modelli locali di creatività  politiche alla dimensione meso-economica, Policy Workshop: "Crescita, investimenti e territorio: dalle idee ai progetti", Congresso dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali, Padova, 12 settembre 2014.

Ferlaino, F., Dal Piemonte all’Italia: una nuova politica economica, Policy Workshop: "Crescita, investimenti e territorio: dalle idee ai progetti", Congresso dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali, Padova, 12 settembre 2014.

Prezioso, M.,  Dal quadro europeo ispirazioni per la politica urbana per l’Italia, Policy Workshop: "Crescita, investimenti e territorio: dalle idee ai progetti", Congresso dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali, Padova, 12 settembre 2014.

Roma, G., Goodbye Territorio: concentrazione dei poteri e governace debole non favoriscono lo sviluppo delle economie territoriali, Policy Workshop: "Crescita, investimenti e territorio: dalle idee ai progetti", Congresso dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali, Padova, 12 settembre 2014.

Senn, L., La governance delle infrastrutture e dei servizi nelle aree metropolitane, Policy Workshop: "Crescita, investimenti e territorio: dalle idee ai progetti", Congresso dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali, Padova, 12 settembre 2014.

Vitale, M., Intervento al workshop su “Le politiche per la crescita in italia e in Europa”, Workshop: “Le politiche per la crescita in Italia e in Europa: il ruolo delle politiche industriali e regionali”, Università degli Studi di Milano, 9 luglio 2014.


Gruppo di Discussione: “Crescita, Investimenti e Territorio” (2014d),
Interventi di Economia e Politica Macroeconomica e Finanziaria,
a cura di: Maurizio Baravelli, Aurelio Bruzzo, Riccardo Cappellin, Enrico Marelli.

DOWNLOAD

Baravelli, M. (2014), Rilanciare l’economia italiana con una politica industriale moderna, contributo al XI Rapporto Industria 2014 della CISL, Roma.

Baravelli, M.,  Rilanciare la crescita in Europa e in Italia con gli investimenti: innovazione finanziaria e governance territoriale, Policy Workshop: "Crescita, investimenti e territorio: dalle idee ai progetti", Congresso dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali, Padova, 12 settembre 2014.

Baravelli, M., Politiche regionali per la crescita e ruolo del sistema finanziario, Workshop: “Le politiche per la crescita in Italia e in Europa: il ruolo delle politiche industriali e regionali”, Università degli Studi di Milano, 9 luglio 2014.

Cappellin, R., Come rilanciare la crescita: più innovazione e investimenti sono meglio di più spesa pubblica e meno tasse, Workshop: “Le politiche per la crescita in Italia e in Europa: il ruolo delle politiche industriali e regionali”, Università degli Studi di Milano, 9 luglio 2014.

Cappellin, R., Il ruolo della politica industriale e regionale e la crisi delle politiche macroeconomiche: un’onda di innovazione, finanza e investimenti per uscire dalla stagnazione, Policy Workshop: "Crescita, investimenti e territorio: dalle idee ai progetti", Congresso dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali, Padova, 12 settembre 2014.

Marelli E. (2014), La crisi, le politiche adottate e quelle auspicabili, contributo al XI Rapporto Industria 2014 della CISL, Roma.

Marelli, E., La crisi, le politiche adottate e quelle auspicabili, Workshop: “Le politiche per la crescita in Italia e in Europa: il ruolo delle politiche industriali e regionali”, Università degli Studi di Milano, 9 luglio 2014.

16446