Login

SISTEMI GIURIDICI COMPARATI

Programma

Aggiornato A.A. 2019-2020

Obiettivo del corso è quello di preparare lo studente al contesto giuridico nazionale ed internazionale in cui si troverà ad operare, fornendo gli strumenti fondamentali per la comprensione dei meccanismi di creazione del diritto nel mondo ad ogni livello, legislativo, giurisprudenziale, dottrinale e pratico. Durante il corso lo studente è sollecitato ad apprendere la terminologia tecnico-giuridica e migliorare le proprie capacità di ragionamento logico e argomentazione. A tal fine, da una parte e primieramente, vengono insegnati i principi di base e i metodi della scienza comparatistica in riferimento alla produzione di regole in contesti nazionali stranieri e nell’ambito di organizzazioni europee e internazionali, corti di giustizia, gruppi di lavoro in ambito accademico e studi legali; dall’altra, si richiede allo studente la partecipazione diretta e dinamica al dibattito su singole questioni nell'ambito della comparazione di sistemi giuridici nel mondo.

Il corso si articola in una parte introduttiva, una parte generale e una parte speciale, con il seguente programma:

PARTE INTRODUTTIVA: 1.- La nascita del diritto comparato. 2.- La finalità del diritto comparato. 3.- Il metodo del diritto comparato. 3.a.- La suddivisione in famiglie. 3.b.- Il procedimento comparatistico. 4.- I presupposti: la raccolta e la comprensione dei dati. 5.- I risultati: la comparazione e la valutazione dei termini. 6.- L’esposizione della ricerca. 6.a.- I metodi e l’organizzazione dell’attività dei gruppi di lavoro per l’armonizzazione del diritto. 7.- I formanti. 8.- I crittotipi. 9.- Introduzione alla sistemologia: alcune definizioni. 9a.- Le prime teorie sistemologiche. 9b.- La teoria di Mattei.

PARTE GENERALE: 1.- I sistemi giuridici europei: le parole-chiave della storia del diritto europeo. 2.- Dal dret féodal normanno al common law. 3.- La diffusione dello ius commune nel continente europeo. 3a.- Francia. 3b.- Belgio e Olanda. 3c.- Spagna e Portogallo. 3d.- Germania e Paesi Scandinavi. 4.- Il passaggio dalla legislazione ancien régime alla codificazione. 4.1.- Il code civil francese e il Bürgerliches Gesetzbuch tedesco: due modelli a confronto. 4.2.- La circolazione dei modelli francese e tedesco. 4.2a.- Lo Zivilgesetzbuch svizzero. 4.2b.- Il codice civile italiano. 4.2c.- Il Nieuw Burgerlijk Wetboek olandese. 4.2d.- I paesi dell’Europa orientale. 5.- La nascita dell’Europa unita. 5a.- L’uniformazione del diritto in Europa. 5b.- La legislazione comunitaria e la modernizzazione del Bürgerliches Gesetzbuch. 5c.- La riforma del diritto delle obbligazioni francese. 5d.- Armonizzazione o unificazione: due strade per il futuro diritto civile europeo. 5e.- Il problema linguistico.

PARTE SPECIALE: 1.- I sistemi giuridici del resto del mondo. a.- Stati Uniti. b.- Paesi Islamici. c.- America Latina. d- India. e.- Russia. f.- Cina.

Per la preparazione della parte introduttiva e della parte generale il docente ha caricato delle dispense dal titolo "Introduzione al Diritto comparato", "La sistemologia", "Il processo di formazione dei sistemi giuridici europei", "I sistemi giuridici europei contemporanei", che vanno integrati con i materiali dal titolo "Sistemologia Mattei", "Somma", "Introduzione Zatti", "Strutture codici europei".

Per la preparazione della parte speciale si consiglia il testo: A. DIURNI (a cura di), Percorsi mondiali di diritto privato e comparato, Giuffré, 2008, limitatamente a Stati Uniti, Paesi Islamici, America Latina, India, Russia, Cina.

L’esame si svolge in modalità orale, con la prova che verte su almeno tre domande, ciascuna volta ad ottenere dallo studente una risposta quanto più possibile ragionata ed elaborata sui temi facente parte del programma. Verrà tenuto conto del rigore del ragionamento e dell’utilizzo corretto della terminologia giuridica.

Per gli STUDENTI FREQUENTANTI è previsto un programma calibrato sugli argomenti e sui sistemi giuridici europei ed extraeuropei trattati a lezione. Si consiglia lo studio delle dispense predisposte dal docente e del documento dal titolo “Sistemologia Mattei” e l’approfondimento di un sistema giuridico a scelta tra quelli illustrati nel manuale “Percorsi mondiali di diritto privato e comparato”.