Login
Autenticazione studente

Accedi per la prima volta a questo portale?
Utilizza il seguente link per attivare il tuo utente e creare la tua password personale.
»  Crea / Recupera Password

Programma

Aggiornato A.A. 2014-2015

PROGRAMMA DI POLITICA ECONOMICA
AA 2014/2015

Il Programma di Politica Economica si divide in quattro moduli più una parte dedicata ad approfondimenti su temi attuali, suddivisi come segue:

I Aspetti Fondamentali di Politica Economica
Teoria del consumo
Investimenti
Saldo delle Partite Correnti
Debito Pubblico

II Teoria della Politica Economica: Strumenti ed Obiettivi
Dal teorema di Timbergen a Mundell
Disoccupazione ed Inflazione: La curva di Phillips
Critica di Lucas
Fallimenti del Mercato
Esternalità e teorema di Coase
Ruolo dei diritti di Proprietà
Relazione Stato-Mercato-Impresa
 

III Analisi dei Progetti di Investimento

La programmazione economica

• Ciclo del progetto
• Analisi Costi-Benefici (Analisi finanziaria ed economica)
• Metodo cash flow; principali indicatori (VAN, TIR, C/B, Payback)
• I prezzi ombra e parametri nazionali 

La Matrice di Contabilità sociale
• Nozioni di base (storia e collegamento con I/O, conti nazionali)
• Aspetti tecnici (come si struttura, come si legge, principali variabili)
• Analisi di impatto di un investimento tramite matrice moltiplicatori

Approfondimenti
Teoria di Piketty

• I e II leggefondamentale del capitalismo;
• Andamentodei trend principalieuropeiedamericani
• Implicazioni di politicaeconomica
• Caso Italia

Piano Juncker
• Caratteristicheprincipali del piano
• Mecchanismodellelevefinanziarie

Valutazionedegliinvestimenti relative ad opera pubbliche
• Dlgs 228/2011

 

Libri di testo:
- Sachs J.D.- Larrain F., Macroeconomia e politica economica, Estratto, Il Mulino, Bologna.
- Scandizzo P.L., Il mercato e l'impresa: le teorie e i fatti, G. Giappichelli Editore, Torino (cap.1,2,3).
- Scandizzo P.L.-Pennisi G., Valutare l'incertezza, G. Giappichelli Editore-Torino (cap. 2,4,5,6)
- Materiale didattico presentato a lezione e sul sito

 

Programma per il vecchio ordinamento (5 o 6 CFU):

I Modulo: Aspetti fondamentali di Politica Economica: Tutto

II Modulo: Teoria della Politica Economica: Strumenti ed Obiettivi: Tutto 

Istituzioni di Politica Economica: Istituzioni Economiche Internazionali.

 

Libri di testo:
- Sachs J.D.- Larrain F., Macroeconomia e politica economica, Estratto, Il Mulino, Bologna.
- Scandizzo P.L., Il mercato e l'impresa: le teorie e i fatti, G. Giappichelli Editore, Torino (cap.1,2,3).
- Materiale didattico presentato a lezione e sul sito

-C.Esposito, Istituzioni Economiche Internazionali e Governance Globale,Giappichelli Editore, Torino 2009

 

REGOLAMENTO PROVE INTERMEDIE ED ESAMI (Vecchio e Nuovo Ordinamento)

• PASSANDO la prima prova intermedia, è possibile scegliere una delle seguenti opzioni:

(1) partecipare alla seconda prova intermedia, e poi decidere se verbalizzare il voto-media delle due prove scritte (qualora sufficiente) oppure sostenere l’esame orale in sessione (per raggiungere la sufficienza o aumentare il voto degli scritti), ma NON è possibile rifare lo scritto nella sessione estiva;
(2) fare l’esame scritto sul programma completo nella sessione estiva, e poi decidere se verbalizzare il voto dell’esame scritto (qualora sufficiente) oppure sostenere l’esame orale in sessione (per raggiungere la sufficienza o aumentare il voto dello scritto). In questo caso, si considera SOLO il voto dello scritto in sessione e NON il voto della prima prova intermedia.

• NON passando la prima prova intermedia, è possibile partecipare alla seconda prova intermedia e/o sostenere la prova orale in sessione ma NON è possibile rifare lo scritto nella sessione estiva.

• NON presentandosi alla prima prova intermedia, NON è possibile partecipare alla seconda prova intermedia, ma è possibile presentarsi direttamente alla prova scritta e/o orale della sessione estiva.

• La prova orale, che NON è obbligatoria, può essere sostenuta una volta sola per sessione, anche SENZA il sostenimento di quella scritta, e anche in un appello diverso da quello dello scritto. Se si fa lo scritto, si può anche non fare l’orale, nel caso in cui la prova scritta consegua la sufficienza.

• Il voto dell’esame orale parte o dalla media aritmetica delle due prove intermedie o dal voto della prima prova intermedia oppure dal voto dello scritto in sessione. Il voto finale dell’orale può migliorare o peggiorare arrivando a qualsiasi votazione.

• L’esame orale è SEMPRE sull’intero programma del corso anche se solo una delle due prove intermedie è risultata insufficiente .

• In NESSUN caso è possibile ritirarsi durante gli esami scritti.