Login
Autenticazione studente

Accedi per la prima volta a questo portale?
Utilizza il seguente link per attivare il tuo utente e creare la tua password personale.
»  Crea / Recupera Password

Programma

EN IT

Aggiornato A.A. 2021-2022

STORIA DELL’ECONOMIA POLITICA

PAOLO PAESANI

A.A. 2021-2022

Obiettivi del corso

Il corso permette di approfondire le conoscenze di economia politica acquisite dagli studenti nell´ambito degli insegnamenti economici dei primi anni (Microeconomia, Macroeconomia, Politica Economica) collocandoli nella corretta dimensione storico-politica.Il corso permette di acquisire nozioni utili per un comprensione approfondita e critica di alcuni grandi dibattiti economici tra cui: 1) Libero scambio vs. Protezionismo, 2) Tutela e limiti della concorrenza, 3) Concorrenza, efficienza, innovazione, sviluppo, 4) Instabilità dell´economia e possibilità di limitarne l´impatto attraverso la politica economica, 5) Logica dell´intervento pubblico nell´economia.

La capacità di trarre giudizi e conclusioni autonome sui grandi dibattiti dell´economia e sulla rilevanza di quei dibattiti nel mondo attuale viene stimolata mettendo in luce le connessioni tra i concetti sviluppati durante il corso, le nozioni acquisite nei corsi precedenti e i legami tra tali nozioni e i principali problemi economici contemporanei. Gli studenti frequentando il corso e interagendo con il docente e con i colleghi, potranno sviluppare le proprie abilità comunicative e la propria capacità di sviluppare e condividere ragionamenti articolati, coniugando nozioni di teoria economica, politica economica, storia delle idee e dei fatti economici.

Capacità di apprendere: il corso intende fornire agli studenti strumenti utili a comprendere la complessità dell´economia come scienza umana, che studia l´organizzazione dei rapporti di produzione, scambio e consumo, all´interno di una quadro politico-istituzionale mutevole. Seguendo le lezioni, gli studenti consolideranno il proprio metodo di studio, anche grazie al materiale reso disponibile dal docente sul sito del corso.

Struttura del corso e programma delle lezioni

  • 21 Febbraio: Introduzione
  • 22 Febbraio: Mercantilismo 
  • 24 Febbraio: Fisiocrazia 
  • 28 Febbraio: Smith
  • 01 Marzo: Ricardo 
  • 02 Marzo: Marx e marxismi
  • 07 Marzo: Dalla visione classica alla visione marginalista
  • 08 Marzo: La scuola di Losanna
  • 09 Marzo: Marshall
  • 14 Marzo: Cambridge dopo Marshall 
  • 15 Marzo: Introduzione a Keynes (scritti minori)
  • 16 Marzo: Keynes nella Teoria Generale (1)
  • 21 Marzo: Keynes nella Teoria Generale (2)
  • 22 Marzo: Schumpeter
  • 23 Marzo: Sintesi neoclassica
  • 28 Marzo: Cambridge dopo Keynes
  • 29 Marzo: Hayek, liberismo, neoliberismo
  • 30 Marzo: Conclusioni

Il corso presenta l´evoluzione del pensiero economico nel tempo. Seguendo un filo cronologico, il corso parte dal mercantilismo e dalla fisiocrazia per giungere agli sviluppi più recenti in materia di interazione strategica e asimmetrie informative. Durante le lezioni, emergerà chiaramente la differenza tra la visione classica e la visione marginalista dell'economia.

Letture obbligatorie

  • Slide rese disponibili nel sito del corso
  • Roncaglia A., Sylos Labini P. (2002) Il Pensiero economico. Temi e protagonisti, Bari-Roma: Laterza
  • Roncaglia A. (2016) Breve storia del pensiero economico, Bari-Roma: Laterza (Capitoli scelti)
  • Roncaglia A. (2019) L´età della disgregazione: Storia del pensiero economico contemporaneo, Bari-Roma: Laterza (Capitoli scelti)

Letture facoltative

  • Hirschman A. (1956 [1998]) «Interpretazioni rivali della società di mercato» in M.C. Marcuzzo, A. Roncaglia (a cura di) Saggi di Economia Politica, pp. 11-39, Torino: Bollati Boringhieri
  • Lunghini, G. (2014) Conflitto crisi incertezza. La teoria economica dominante e le teorie alternative, Torino: Bollati Boringhieri
  • Dardi M. (1990) «Il mercato nell’analisi economica contemporanea» in G. Becattini (a cura di) Il pensiero economico: temi, problemi e scuole, Torino, UTET
  • Kaldor N. (1956 [1998]) «Teorie alternative della distribuzione» in M.C. Marcuzzo, A. Roncaglia (a cura di) Saggi di Economia Politica, pp. 105-131, Bollati Boringhieri, Torino
  • Altro materiale potrà essere distribuito a cura del docente durante il corso.

Metodo didattico

L´attività didattica si svolge attraverso lezioni frontali. La frequenza non è obbligatoria ma fortemente consigliata. Gli studenti frequentanti saranno invitati a partecipare attivamente alle lezioni, dialogando con il docente e rielaborando criticamente le nozioni apprese durante il corso e nell´ambito degli altri insegnamenti economici. Non è prevista la presentazione di tesine.

Valutazione

L´esame consiste in una prova scritta obbligatoria della durata di 60 minuti (domande aperte).
Superata la prova scritta, è possibile sostenere una prova orale integrativa a discrezione del docente.
Gli studenti potranno sostenere l´esame in tutti gli appelli disponibili.
Non sono previsti esoneri. Il primo appello si terrà subito dopo la fine del corso.
Non sono previsti programmi differenziati tra frequentanti e non frequentanti, né esami speciali per gli studenti Erasmus.

Ricevimento

E ´possibile fissare un ricevimento con il docente, scrivendo a paolo.paesani@uniroma2.it