Login
Autenticazione studente

Accedi per la prima volta a questo portale?
Utilizza il seguente link per attivare il tuo utente e creare la tua password personale.
»  Crea / Recupera Password

Programma

Aggiornato A.A. 2019-2020

PRESENTAZIONE

Il corso studia i processi di creazione e valorizzazione della conoscenza nelle imprese in una prospettiva di management esplicitamente attenta alle problematiche  gestionali, direzionali e di governo delle imprese in ambienti complessi. La conoscenza e l'apprendimento vengono considerati per la loro centralità nelle scelte imprenditoriali e direzionali e nella strutturazione dei concreti comportamenti del sistema d’impresa nell’ambiente (competitivo e generale), oltre che delle attività e delle relazioni funzionali al loro interno. Il tutto attraverso innovazione culturale, organizzativa  e tecnologica. Particolare evidenza assume il rapporto tra knowledge management, sapere d’impresa e creazione di valore economico, con riferimento sia alle PMI sia alle grandi impresa di produzione di beni e servizi. In questo ambito, si approfondisce la relazione che lega la conoscenza al fattore tempo e la loro gestione integrata nella competitività dell’impresa e nella coevoluzione impresa-ambiente. Arricchiscono il corso lo studio e la discussione di casi aziendali; autorevoli testimonianze di imprenditori e manager, oltre che workshop su tematiche di frontiera riguardanti la gestione della conoscenza nel mondo delle organizzazioni complesse.


OBIETTIVI FORMATIVI

In continuità con gli obiettivi del corso di Economia e gestione delle imprese del CLEM triennale, il corso di Knowledge Management si propone di sviluppare le competenze specifiche e le abilità necessarie per la gestione della conoscenza nelle imprese, trasferendo allo studente conoscenze avanzate (teoriche e pratiche) e strumenti analitici e operativi ad hoc.  In particolare, gli studenti acquisiranno un metodo per poter: a) comprendere e interpretare criticamente il ruolo della conoscenza nell’evoluzione delle imprese e la complessità generata dalla sua gestione; b) individuare e valutare le conoscenze di valore per il successo delle imprese e le soluzioni di knowledge management appropriate per svilupparle, avendo riguardo alle specificità delle persone, delle strutture e dei processi che caratterizzano i diversi contesti aziendali e alle dinamiche ambientali; c) gestire  efficientemente ed efficacemente la  knowledge base e i processi di apprendimento intra  e inter aziendali coniugando in modo equilibrato l’aspetto umano con l’aspetto tecnologico al fine di migliorare il rendimento economico del sapere d’impresa.
Queste capacità sono centrali per operare non solo in ruoli manageriali ma anche come imprenditore in tutte quelle  imprese, di piccole medie e grandi dimensioni che basano il proprio successo sul proprio capitale intellettuale, oltre che come libero professionista  nel campo della consulenza direzionale.


METODI D'INSEGNAMENTO E D’APPRENDIMENTO

Gli argomenti del corso vengono trattati coniugando le teorie e i concetti chiave  esposti nelle lezioni istituzionali  con la concretezza dell’esperienza. In particolare, il corso prevede esercitazioni di approfondimento che richiedono la partecipazione attiva degli studenti nelle seguenti attività: elaborazione e discussione di casi aziendali; confronto con imprenditori e manager chiamati a dare la loro testimonianza in aula; dibattiti conseguenti a workshop focalizzati sui temi della gestione della conoscenza e dell’innovazione d’impresa; discussioni su specifici problemi di knowledge management rispetto ai quali gli studenti sono stimolati alla riflessione e alla produzione di soluzioni creative.


ORARIO ED AULA DELLE LEZIONI
Controllare la pagina "Lezioni".


PROGRAMMA DETTAGLIATO

Il programma del corso si articola nelle seguenti parti:

Parte I – Processi di creazione della conoscenza
Il sapere d’impresa: Concetti di base e prospettive di analisi - Il contributo degli studi classici di management – La knowledge based theory - La prospettiva evoluzionista - Le componenti costitutive  del sapere d’impresa – La dimensione tacita e la dimensione esplicita della conoscenza: individui, gruppi e imprese – Conoscenza e competenze aziendali. Il sapere nell’agire imprenditoriale – Il modello come epistemologia del sapere imprenditoriale - L’epistemologia imprenditoriale - La relazione reciproca tra sapere e agire strategico d’impresa.
Il sapere e l’apprendimento: L’apprendimento nel governo d’impresa - Il passaggio della conoscenza dal livello individuale a quello collettivo e i modelli Nonaka -   Dalla conoscenza organizzativa al sapere d’impresa e Il ruolo dei manager – L’apprendimento single loop e l’apprendimento double loop - L’ apprendimento reattivo e l’apprendimento proattivo. Apprendimento, vantaggio competitivo e adattamento - Apprendimento e cambiamento - le difficoltà del cambiamento – Rapporto tra “rischio di estraniazione” e cambiamento delle imprese – Evoluzione, cambiamento, conservazione. L’impresa learning oriented  e la learning organization di Senge – L’apprendimento inter-organizzativo: Gli scambi cognitivi: conoscenza competitiva e paradigmi tecnologici dominanti –  La distanza fra attori quale determinante dello scambio.
La cultura d’impresa: La matrice dei tipi culturali - L’interpretazione nel governo d’impresa. La rilevanza dei contesti (interni ed esterni)  e  i poli del senso imprenditoriale.  L’intelligence d’ impresa: business intelligence e competitive intelligence -  Il parallelismo tra intelligence politico-militare e imprenditoriale.

Parte II – Processi di valorizzazione della conoscenza
Knowledge management: Significato, finalità e prospettive di analisi – Soggettivismo e contestualismo nella gestione del sapere d’impresa.
Knowledge management e creazione di valore economico: Aree di intervento  e logiche di gestione La gestione integrata di persone, strutture e tecnologia - La gestione razionale della knowledge base  -  Il management dell’apprendimento adattivo e dell’apprendimento generativo - Il ruolo del knowledge manager e il supporto dei sistemi informativi per il  di knowledge management - Consolidamento e evoluzione delle competenze aziendali per il successo dell’impresa.
Tempo e conoscenza: Il tempo come successione critica di esperienze e fattore di valorizzazione della conoscenza - Apprendimento e obsolescenza – La prospettiva temporale come strumento di orientamento del sapere d’impresa. Il binomio tempo-conoscenza come  leva di vantaggio competitivo e fattore di cambiamento - Il tempo coevolutivo - La gestione integrata di tempo e conoscenza nel governo d’impresa .
Capitale umano, valore cognitivo e pratiche innovative di gestione delle risorse umane a supporto del sistema di knowledge management - La gestione delle persone basata sui modelli di competenza – Competenza individuale e competenza manageriale.
Capitale intellettuale e metodi per valutarlo.

Parte III – Strumenti e tecniche di knowledge management

Parte IV – Casi di studio


MATERIALI DI STUDIO PER L’ESAME

Studenti frequentanti:

• Paniccia P.M.A. (a cura di), Knowledge management per la competitività d’impresa. Modelli, strumenti, casi di studio. Aracne, Roma, 2018. [tutti i capitoli dall'1 al 10 e uno solo a scelta tra i capitoli 11, 12 e 13]
• Materiale d’aula.

N.B. Per poter sostenere l'esame con il programma previsto per i frequentanti occorre presentare il lavoro di gruppo.

Studenti non frequentanti:

• Paniccia P.M.A. (a cura di), Knowledge management per la competitività d’impresa. Modelli, strumenti, casi di studio. Aracne, Roma, 2018. [tutti i capitoli]
• Senge P. (1990), The fifth discipline: the art and practice of the learning organization, Trad. it. La quinta disciplina. L’arte e la pratica dell’apprendimento organizzativo, Sperling & Kupfer Editori, 2006: Parte terza “Il nucleo centrale delle discipline: la creazione delle organizzazioni che apprendono”.
• Materiale d’aula.


MODALITÀ D’ACCERTAMENTO DEI RISULTATI D’APPRENDIMENTO

Per la valutazione delle competenze acquisite dallo studente attraverso il corso e il materiale di studio è previsto un esame orale almeno fino a quando gli aspetti tecnici del sistema delle prove scritte verranno compiutamente messi a punto.

La prova consiste in un colloquio volto a verificare le conoscenze dei materiali di studio e può avere ad oggetto anche domande relative ai casi di studio presenti nel libro di testo del corso e/o una domanda relativa alle testimonianze in aula.

 

RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI

Nel periodo di svolgimento del corso, la prof.ssa Paniccia, riceve il martedì alle ore 14.00 (dopo la lezione), stanza n.57 – Dipartimento di Management e Diritto.
I collaboratori ricevono gli studenti al termine delle lezioni e/o su appuntamento via mail.
Nel periodo in cui il corso non si tiene, il ricevimento ha luogo di regola il martedì alle ore 14.00, salvo variazioni opportunamente comunicate nella bacheca "Avvisi".


REGOLAMENTO ESAME

L’esame si svolgerà in modalità orale almeno fino a quando gli aspetti tecnici del sistema delle prove scritte verranno compiutamente messi a punto.

Al fine del corretto svolgimento della prova si prega di prendere visione del regolamento di Ateneo per le prove di profitto: https://web.uniroma2.it/module/name/Content/newlang/italiano/navpath/HOM/action/showpage/content_id/83741

L’iscrizione on-line su Delphi è il presupposto per sostenere l'esame senza deroga alcuna.