Login

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

Programma

EN IT

Aggiornato A.A. 2018-2019

 

 

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

A.A. 2019/2020

 

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA E FINANZA

CANALE UNICO – PROF. M. PELLEGRINI


 

Obiettivi formativi del corso

 

Il corso ha l'obiettivo di fornire agli studenti le principali categorie logiche e i concetti fondamentali di analisi e di progettazione dell'assetto organizzativo aziendale, integrando la lettura con prospettive tratte anche da discipline diverse da quelle prettamente economico-aziendali.

Il focus del corso è costituito dall’organizzazione nel suo complesso: i concetti teorici rilevanti per l’analisi e la progettazione organizzativa includono le principali dimensioni strutturali e contestuali di un’organizzazione, quali la formalizzazione, la gerarchia, la specializzazione, la tecnologia, l’ambiente e la cultura. Tali dimensioni variano da organizzazione a organizzazione e per questo rappresentano strumenti per la loro indagine.

Il corso fornisce uno schema per “leggere “e progettare le organizzazioni e si articola nelle seguenti parti:

(1) Introduzione al corso;

(2) L’individuo;

(3) Le persone in relazione;

(4) La progettazione organizzativa universalistica;

(5) La progettazione organizzativa contingente;

(5) La progettazione organizzativa contingente: i modelli evoluti;

 

Testi per l’esame

 

– DECASTRI M. (2016) “Leggere le Organizzazioni. Individuo, persone, strumenti. Manuale di organizzazione aziendale I”, Guerini e Associati, Milano.

- DECASTRI M. (2016) “Progettare le Organizzazioni. Le Teorie e i modelli per decidere. Manuale di organizzazione aziendale II”, Guerini e Associati, Milano.

 

Testi di approfondimento

 

– COSTA G., NACAMULLI R.C.D. (1997), Manuale di Organizzazione Aziendale, Utet, Torino.

– DAFT, R. (2010), Organizzazione Aziendale, Apogeo.

– TURATI C.(1998), L'organizzazione semplice, Egea, Milano.

 

Sul sito di facoltà, dopo di ogni lezione, saranno messe a disposizione le slide proiettate.

 

Giorni e orari di lezione

– Giovedì: ore 10,00 -13,00

– Venerdì: ore 11,00 – 14,00

 

Aule di lezione

T7(Giovedì) - T4(Venerdì)

 

Giorni e orari di ricevimento studenti

– Docenti e collaboratori ricevono gli studenti previo appuntamento da concordare via mail (anche durante orario di ricevimento).

– Durante la durata del corso, sono fissati i seguenti orari di ricevimento:

 

o Prof. Pellegrini – Giovedì dalle 15,00 alle 16,00

 

Appelli sessione estiva e autunnale

Al termine del corso gli studenti sosterranno una prova orale in una delle seguenti date:

 

SESSIONE ESTIVA

 

Economia e Finanza

Prof. Pellegrini

 

I appello

 

14/06/2019 ore 10:00

 

 

II appello

 

12/07/2019 ore 10:00

 

SESSIONE AUTUNNALE

 

I appello

 

04/09/2019 ore 10:00

 

 

II appello

11/09/2019 ore 10:00

 

 

Contatti

 

 

Prof. Massimiliano Pellegrini, stanza 3.3c (terzo piano)

e-mail: massimiliano.pellegrini@uniroma2.it

 


Programma analitico del corso

Lezione

Argomento

Descrizione della lezione

Riferimenti bibliografici ([1])([2])

INTRODUZIONE AL CORSO

(1)

Prima settimana

 

 

Presentazione del corso

 

La grammatica dell’Organizzazione

Il corso apre con la sistematizzazione delle principali teorie organizzative al fine d'introdurre le possibili concezioni e definizioni di organizzazione aziendale.  

Sono presentate le tre concezioni di base dell’organizzazione: (1) organizzazione come sistema pre-determinato; (2) l’organizzazione come processo di decisioni e azioni; (3) organizzazione come costruzione sociale. Tali concezioni sono influenzate da tre variabili di contesto: ambiente, tecniche e persone.

La grammatica dell’Organizzazione:

Cap.iniziale (1): pp. 9 – 36.

L'INDIVIDUO

(2)

Prima settimana

 

Le persone: valori, attitudini, competenze

Cosa influenza il comportamento umano in un'organizzazione? Nella lezione si descrivono le determinanti del comportamento e i concetti di competenza individuale e organizzativa, contesto organizzativo e potenziale, questo al fine di comprendere come gestire le persone, in modo tale da realizzare gli obiettivi assegnati.

Le persone: il comportamento

e le competenze:

Cap.1 (1): pp. 39 – 64.

(3)

Prima settimana

La motivazione

A partire dagli anni ’50 si avviano e si moltiplicano gli studi sulla motivazione al lavoro.

Per una panoramica dei principali contributi, il focus della lezione si articola secondo due direttrici: (1) le Teorie di Contenuto, per indirizzare l’attenzione su cosa “motiva le persone al lavoro”; (2) le Teorie di Processo, per analizzare in che modo si può intervenire sul processo motivazionale di un individuo.

La motivazione al lavoro:

concetti e teorie di base:

Cap. 2 (1): pp. 65 – 103.

* Assegnazione primo micro-task. Argomento: Le teorie motivazionali

LE PERSONE IN RELAZIONE

(4)

Seconda settimana

 

Il gruppo

Dalla dimensione individuale ci si sposta verso l’analisi e la comprensione delle relazioni sociali all’interno delle organizzazioni indagando, in primis, il concetto di gruppo.

In particolare, sono chiarite le caratteristiche e le condizioni di efficacia di un gruppo di lavoro e quali sono gli aspetti costitutivi della comunicazione e del conflitto nei gruppi.

- Comunicazione e conflitto:

Cap: 4 (1): pp. 139 – 166

- Lavorare in gruppo:

Cap. 5 (1): pp. 167 – 202.

 

(5)

Seconda settimana

La cultura organizzativa

Sempre con attenzione agli aspetti soft della gestione organizzativa, si presenta l’approccio culturale come modalità fondamentale per comprendere l’agire sociale delle persone nelle organizzazioni.

Inoltre, si esaminano lo stile di direzione e la leadership come ulteriori meccanismi con cui esercitare un’influenza volta ad allineare i comportamenti delle persone.

- Leggere, costruire e gestire

la cultura organizzativa:

Cap. 6 (1): pp. 203 – 236.

(6)

Seconda settimana

Micro & Macro strutture (I)

Quali sono gli elementi da considerare per scelte organizzative efficienti ed efficaci?

Quali sono le variabili organizzative da considerare nella costruzione delle soluzioni organizzative?

I concetti di divisione e coordinamento del lavoro tra unità organizzative e le loro combinazioni idealtipiche sono elementi fondamentali. Si illustrano anche alcuni concetti e tecniche di base della progettazione micro-organizzativa, quali: ruolo, posizione, organigramma, Job description e profilo di ruolo.

- L’organizzazione micro:

  ruoli e processi:

  Cap. 8 (1): pp. 267 – 288.

 

 

 

- Le strutture organizzative:

  dimensioni di analisi e idealtipi:

  Cap.7 (1): pp. 239 – 265.

(7)

Terza settimana

Micro & Macro strutture (II)

(8)

Terza settimana

I sistemi di direzione

Partendo dal concetto di progettazione organizzativa, si configurano i sistemi di direzione, come meccanismi di coordinamento. La gestione del personale risulta essere un meccanismo fondamentale di allineamento dei comportamenti degli individui nelle organizzazioni.

- I sistemi di direzione: il controllo

  di gestione e la gestione delle

  persone

  Cap. 9 (1): pp. 289 – 319.

* Assegnazione secondo micro-task. Argomento: I sistemi di direzione

LA PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA UNIVERSALISTICA

(9)

Terza

settimana

 

Le teorie classiche (I)

La teoria organizzativa, nel tempo, ha subito una notevole evoluzione.

Si parte dalle teorie classiche, evidenziando gli elementi ancora di attualità che queste presentano.

Sempre seguendo una logica evolutiva, si prosegue con quegli Autori che hanno focalizzato la loro attenzione sulla dimensione soft dell’organizzazione. Con Mayo si introduce il tema del fattore umano quale leva per agire sulla produttività dell’organizzazione.

- Burocrazia e dintorni:

  Cap. 1 (2): pp. 1 – 36.

 

 

 

- Le teorie classiche:

  Cap. 2 (2): pp. 37 – 68.

- La Scuola delle Relazioni Umane:

  Cap:3 (2): pp. 69 – 98.

(10)

Quarta

Settimana

Le teorie classiche (II)

LA PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA CONTINGENTE

(11)

Quarta settimana

La progettazione organizzativa (I)

Si introduce il concetto di sistema socio-tecnico e la sua applicazione all’analisi e alla progettazione delle organizzazioni.

In chiave sistemica, si analizza la composizione di un’organizzazione, i suoi rapporti con l’ambiente e le variabili interne che ne determinano il comportamento. Per introdurre il tema della progettazione organizzativa si fa riferimento alla teoria del comportamento organizzativo di Simon, che quale importante premessa al tema della progettazione organizzativa in relazione alle teorie contingenti.

Quali sono le determinanti della scelta della struttura organizzativa?

E' presentata una rassegna dei principali contributi in tema di relazioni strategia-struttura, ossia quei contributi che propongono un’interpretazione funzionale tra scelte strategiche e struttura organizzativa.

Si illustrano inoltre le dimensioni di progettazione, attraverso la presentazione delle opzioni fondamentali di raggruppamento delle attività organizzative in strutture semplici, funzionali, divisionali e funzionali modificate.

- L’analisi e la progettazione

  dei sistemi organizzativi

  Cap. 4 (2): pp. 99 – 126.

 

 

 

- La progettazione della struttura

  organizzativa:

  Cap. 5 (2): pp. 125 – 159.

(12)

Quarta settimana

La progettazione organizzativa (II)

* Assegnazione Terzo micro-task. Argomento: Le strutture organizzative

(13)

Quinta settimana

Differenziazione e integrazione

In questa lezione è presentato il modello di “differenziazione e integrazione”.

Il modello di Lawrence e Lorsch, centrato sulle relazioni di differenziazione e d'integrazione tra le funzioni di linea, spiega le variabili contingenti fondamentali ai fini della differenziazione.  Ciascuna funzione è rappresentate da tre caratteristiche: (a) la chiarezza del compito, (b) la difficoltà del compito, c) il tempo di feed-back. Il modello propone che la scelta degli strumenti d'integrazione tenga conto del grado di differenziazione richiesta tra le varie unità; gli strumenti d'integrazione devono essere tanto più «potenti» quanto maggiori sono sia l’interdipendenza sia la differenziazione richiesta.

- Differenziazione e integrazione:

  Cap. 6 (2): pp. 161 – 181.

LA PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA CONTINGENTE: I MODELLI EVOLUTI

(14)

Quinta settimana

Perrow

Il contributo di Perrow insiste sulla relazione tra tecnologia e configurazioni organizzative.

Sono analizzate quattro caratteristiche delle organizzazioni:

1. la tecnologia, considerata come il fattore caratterizzante le organizzazioni stesse.

2. gli obiettivi, concepiti come variabile parzialmente indipendente.

3. l’organizzazione nel suo insieme.

4. la struttura organizzativa come variabile dipendente.

- Uno schema per l’analisi

  comparativa delle organizzazioni:

  Cap 7 (2): pp. 185 – 200.

(15)

Quinta settimana

 

 

Thompson

Thompson, partendo dalla teoria di Simon, sviluppa il concetto di azione organizzativa come processo di azioni orientato dalla razionalità intenzionale e limitata per affrontare l’incertezza ambientale. Ogni organizzazione costruisce, nello sviluppo del suo processo organizzativo, il proprio campo d’azione e, quindi, i punti di contatto con l’ambiente.

Un’organizzazione, allora, protegge il proprio nucleo tecnico dai vincoli e dalle contingenze, con azioni organizzative che consentono di migliorare la seconda componente della razionalità intenzionale di un’organizzazione, la razionalità organizzativa. La razionalità organizzativa – la gestione delle interdipendenze -, diventa, allora, un elemento fondamentale per ridurre l’incertezza.

- L’azione organizzativa:

  Cap. 8 (2): pp. 201 – 217.

(16)

Sesta Settimana

 

Galbraith

Con il concetto di «predicibilità dei compiti» si evolve l’approccio contingente. Galbraith analizza come gli influssi esercitati dall’ambiente esterno o da altre variabili di contesto sul sistema o sottosistema organizzativo influenzino la struttura organizzativa, intesa come insieme di elementi che consentono di svolgere compiti con diverso grado di predicibilità. Al diverso grado di predicibilità dei compiti è legato il volume delle informazioni da raccogliere e da elaborare per svolgere efficientemente una determinata attività.

Il modello proposto, è fatto poi proprio dalla letteratura organizzativa italiana, che, alla fine degli anni Settanta, integra il concetto di «complessità informativa» dei compiti.

- Incertezza, complessità e

  organizzazione:

  Cap.9 (2): pp. 219 – 242.

(17)

Sesta Settimana

 

 

Intervento/Testimonianza

(18)

Sesta Settimana

Wrap up/Riepilogo finale

 

 



[1] (1) DECASTRI M. (2016) “Leggere le Organizzazioni. Individuo, persone, strumenti. Manuale di organizzazione aziendale I”, Guerini e Associati, Milano.

Per ogni lezione sono disponibili le slide sul sito della Facoltà.

[2] (2) DECASTRI M. (2016) “Progettare le Organizzazioni. Le Teorie e i modelli per decidere. Manuale di organizzazione aziendale II”, Guerini e Associati, Milano.

Per ogni lezione sono disponibili le slide sul sito della Facoltà.