Facoltà di Economia

Gianluca CubaddaProf. Gianluca Cubadda
Preside della Facoltà

La Facoltà di Economia dell'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" è un centro di formazione e di ricerca di eccellenza, riconosciuto a livello nazionale ed internazionale, ed è costituito da due dipartimenti: Economia e Finanza e Management e Diritto.

Continua a leggere la presentazione della Facoltà


La Facoltà di Economia è costituita dai dipartimenti:

Dipartimento di Economia e Finanza

Prof. Fabrizio Mattesini
Direttore

Dipartimento di Management e Diritto

Prof. Ranalli Francesco
Direttore facente funzioni

Iscrizioni e Trasferimenti

In questa sezione trovi tutte le informazioni di cui hai bisogno per accedere alla nostra offerta formativa (bandi, test di ammissione, borse di studio, residenze e alloggi...)
Il tuo futuro comicia da qui!

Terza Missione

La Facoltà di Economia, da sempre impegnata a favore della crescita del tessuto socioeconomico italiano e nella cooperazione internazionale, declina la sua Terza missione impegnandosi in una ricerca di eccellenza utile a fini produttivi, capace di contribuire all’avanzamento della conoscenza, dei saperi culturali, scientifici e tecnologici atti a migliorare il benessere della società, attraverso una formazione di qualità, la creazione di partnership istituzionali e progetti con le imprese e per il territorio, il supporto della proprietà intellettuale e dell’imprenditorialità, il placement dei propri laureati, la promozione di iniziative volte a garantire sviluppo sostenibile, innovazione sociale, civic engagement e resilienza.

Scopri di più...

L’Esposizione Universale di Dubai: sfide e opportunità per l’Italia nel seminario CEIDIM promosso dal Prof. Beniamino Quintieri

Ricerca-Azione, FormAzione

 

Promosso ed organizzato dal Master in Commercio Estero e Internazionalizzazione d’Impresa-CEIDIM, diretto dal Prof. Beniamino Quintieri del Dipartimento di Economia e Finanza, si è svolto il 30 giugno il seminario "L’Italia all’Esposizione Universale di Dubai: sfide e opportunità".

 



Posticipata di un anno a causa della pandemia, EXPO 2020 Dubai è l’Esposizione Universale che si terrà negli Emirati Arabi Uniti dal 1 ottobre 2021 al 31 marzo 2022, primo evento globale post Covid-19.

 

 

I lavori del seminario, tenuto da Paolo Glisenti, Commissario Generale di sezione per la partecipazione dell’Italia a EXPO 2020 Dubai, sono stati introdotti dal Prof. Beniamino Quintieri, già Commissario Generale del Governo per l'Esposizione Universale di Shanghai 2010, che nel 2018, nella veste di Presidente di SACE, aveva promosso la sottoscrizione di un importante accordo finalizzato a sostenere le imprese italiane coinvolte nei lavori di progettazione, costruzione e allestimento del Padiglione italiano, segnando l’inizio della fase di sviluppo e programmazione di questo "imperdibile" appuntamento internazionale, per i territori e le Regioni, occasione strategica di marketing relazionale e di promozione delle bellezze, dei talenti del nostro Paese.

 

 

Il seminario CEIDIM, a cui hanno preso parte anche il Prorettore al trasferimento tecnologico di "Tor Vergata" Prof. Vincenzo Tagliaferri e la Coordinatrice della Start Cup Lazio Prof. Paola Paniccia del Dipartimento di Management e Diritto, è stata l'occasione per spiegare i diversi ambiti attraverso cui l'Italia ha svolto e sta svolgendo un ruolo attivo e fattivo nella realizzazione del progetto, in continuità con EXPO Milano nel 2015.

La sfida - come emerso nel corso dell'incontro - è far sì che la manifestazione universale possa essere una vetrina fondamentale per presentare le migliori capacità di innovazione, le eccellenze dei territori e le più avanzate competenze tecnico-professionali del nostro Paese, a partire dal Padiglione italiano.

Con le parole del Commissario Glisenti, il Padiglione italiano all'EXPO 2020 - costruito interamente da aziende piccolissime o start up, che hanno fornito prodotti altamente innovativi o prototipali - rappresenta infatti un chiaro esempio di "architettura narrativa" dove tutto racconterà l'Italia, il suo viaggio esplorativo lungo le diverse "vie della seta", dal passato al futuro; un modello di economia circolare, un prototipo all’avanguardia in termini di progettazione integrata e utilizzo di materiali riciclati, durevoli, naturali; un grande hub esperienziale di innovazione, espressione delle più avanzate forme di sostenibilità nella progettazione, nella costruzione e nella fruizione degli spazi.

 

 

Questi i concetti e gli elementi per raccontare l'Italia racchiusi nel claim scelto dal Commissario Glisenti "la bellezza unisce le persone", ispirato alla suggestione espressa nel 1958 dall'economista Galbraith dell'Italia come Paese con "futuro a trazione creativa": le sue storie di ingegno, talento e creatività, frutto della contaminazione di idee e esperienze, capace di coniugare memoria e futuro, per generare valore, "crescita estetica" e innovazione, come descritto nel video di presentazione  "Il viaggio della bellezza" e con la narrazione del regista Gabriele Salvatores.

 

 

Alcuni numeri che danno la misura dell'impegno dell'Italia: oltre 50 Università italiane, tra  le quali "Tor Vergata", impegnate con proposte progettuali legate alla propria identità territoriale e alla propria vocazione internazionale, 15 Regioni (cosiddetti "partner artistici") coinvolte nell'iniziativa per far conoscere "storie di bellezza italiana" e "saper fare", più di 100 imprese collegate (oltre a quelle presenti a Dubai) attraverso la piattaforma di partecipazione creata in collaborazione con l'ICE, 8.700 manifestazioni di interesse da parte di giovani studenti di ben 71 nazionalità diverse per prendere parte a quello che è stato definito dal Ministro dell'Università e della Ricerca Maria Cristina Messa "il più grande progetto di mobilità studentesca degli ultimi anni".

L'incontro promosso dal Master CEIDIM ha dunque messo in luce l’impegno dell’Italia sui temi dell'innovazione e della sostenibilità, evidenziando il coinvolgimento e il contributo di un network di Atenei, enti di ricerca, istituzioni, comunità, "generazione Z" e tessuto imprenditoriale: nella prospettiva di creare una eredità che vada oltre i 6 mesi dell'evento, nel segno di una ineluttabile evoluzione "multidisciplinare" del paradigma educativo e formativo alla base delle Esposizioni universali.

 

(A cura dell'Ufficio Public engagement Economia)


Per saperne di più:

 


la Sezione Iniziative PE-Economia   

√ Vedi Highlights Sezione Ricerca-Azione, FormAzione

#PE_2021 #PE_5P_Partnership #PE_DEF #PE_RicercAzione-FormAzione