Facoltà di Economia

Gianluca CubaddaProf. Gianluca Cubadda
Preside della Facoltà

La Facoltà di Economia dell'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" è un centro di formazione e di ricerca di eccellenza, riconosciuto a livello nazionale ed internazionale, ed è costituito da due dipartimenti: Economia e Finanza e Management e Diritto.

Continua a leggere la presentazione della Facoltà


La Facoltà di Economia è costituita dai dipartimenti:

Dipartimento di Economia e Finanza

Prof. Fabrizio Mattesini
Direttore

Dipartimento di Management e Diritto

Prof. Maria Cristina Cataudella
Direttore

Iscrizioni e Trasferimenti

In questa sezione trovi tutte le informazioni di cui hai bisogno per accedere alla nostra offerta formativa (bandi, test di ammissione, borse di studio, residenze e alloggi...)
Il tuo futuro comicia da qui!

Terza Missione

La Facoltà di Economia, da sempre impegnata a favore della crescita del tessuto socioeconomico italiano e nella cooperazione internazionale, declina la sua Terza missione impegnandosi in una ricerca di eccellenza utile a fini produttivi, capace di contribuire all’avanzamento della conoscenza, dei saperi culturali, scientifici e tecnologici atti a migliorare il benessere della società, attraverso una formazione di qualità, la creazione di partnership istituzionali e progetti con le imprese e per il territorio, il supporto della proprietà intellettuale e dell’imprenditorialità, il placement dei propri laureati, la promozione di iniziative volte a garantire sviluppo sostenibile, innovazione sociale, civic engagement e resilienza.

Le nostre 5 P

 

In questa sezione sono raccolte le principali iniziative di Public engagement promosse dalla Facoltà di Economia, riclassificate sulla base delle cosiddette "5P" per lo Sviluppo sostenibile (Persone, Pianeta, Prosperità, Pace, Partnership). 

Obiettivo: dar conto del "contributo" della Facoltà di Economia al raggiungimento dei 17 Goals dell'Agenda ONU 2030 riassunti nelle 5 aree di intervento individuate per l'Italia dalla Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile-SNSvS.

 

 

Il tema del Public engagement è infatti fortemente correlato ai compiti di una “Università per la sostenibilità”, contribuendo a rafforzarne la capacità di risposta e “di contribuzione” verso un impegno globale per un futuro sostenibile (come emerge dal Manifesto della CRUI-Conferenza dei Rettori delle Università Italiane "Da 'Le Università per la Sostenibilità' a 'La Sostenibilità nelle Università', siglato il 30 Maggio 2019, e dalla Lettera aperta della RUS-Rete delle Università per la Sostenibilità del 17 aprile 2020).

Più specificamente, all’interno della Terza missione delle Università, il Public engagement richiama - in quanto area di impegno e coinvolgimento - la responsabilità da parte degli Atenei di contribuire alla costruzione di processi di crescita, valorizzazione, co-creazione, diffusione e scambio di conoscenza, lavorando insieme a tutti gli attori del cambiamento (società civile, istituzioni, imprese), contribuendo a generare un impatto positivo significativo sulla Comunità e sul Territorio in cui opera.

La "capacità di contribuzione" della Facoltà di Economia può essere esplicitata in termini di 5P:

  • Collegando le categorie di valutazione espresse nelle Linee guida ANVUR TM-IS 2018 con il quadro dell’Agenda 2030 dell'ONU, in modo da evidenziare il nesso tra l’impegno corale e di triplice natura della Facoltà di Economia rispetto ai principi dell'ambizioso programma d'azione sottoscritto il 25 settembre 2015 da 193 Paesi membri delle Nazioni unite per "trasformare il nostro mondo";
  • Riclassificando le iniziative e le attività di natura istituzionale promosse dalla Facoltà, incrociando le fattispecie proposte dall’ANVUR per il Public engagement con l’approccio multidimensionale delle 5P, secondo il framework proposto per l'Italia dalla Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile-SNSvS (v. Ministero dell’Ambiente, 2017) e in base alle cinque aree in cui si sviluppano le sue linee programmatiche, con l'obiettivo di superare le disuguaglianze economiche, ambientali e sociali e perseguire così uno sviluppo sostenibile, equo ed inclusivo.

Un esercizio per comprendere “quanto”, “dove” e “come” si sta posizionando il contributo della Macroarea per il raggiungimento dei 17 Goal dell’Agenda 2030.